Incontri di storia dell’arte. Le vite di Tiziano. A cura del FAI Fondo Ambiente Italiano

Home / Eventi passati / Incontri di storia dell’arte. Le vite di Tiziano. A cura del FAI Fondo Ambiente Italiano

Incontri di Storia dell’arte
LE VITE DI TIZIANO
febbraio – giugno 2019

Musei Civici agli Eremitani, Sala del Romanino
Piazza Eremitani 8, Padova

INGRESSO LIBERO FINO A ESAURIMENTO POSTI

Il pieghevole

Il corso, articolato in 18 lezioni pomeridiane, si svolge a cadenza settimanale da febbraio a giugno 2019 dalle ore 17.30 alle 18.45 presso la Sala del Romanino dei Musei Civici agli Eremitani a Padova e sarà incentrato sulla figura e l’opera di Tiziano, illustre maestro del Rinascimento allievo di Giorgione, maestro del pittore tonale nonché accorto imprenditore di se stesso direttamente in contatto con potenti dell’epoca: da Alfonso I d’Este all’imperatore Carlo V, da papa Paolo III Farnese a Filippo II re di Spagna. Un rinnovamento della pittura il suo, alternativo al michelangiolesco “primato del disegno”, che si basa su un nuovo uso del colore e della luce, ispirato alle suggestioni della pittura antica.

La lezione inaugurale, svoltasi  giovedì 21 febbraio alle ore 17.30, è stata introdotta dal professor Giovanni Agosti, docente di Storia dell’Arte Moderna presso l’Università degli Studi di Milano, e dagli altri curatori del corso Vittoria Romani (Università degli Studi di Padova) e Jacopo Stoppa (Università degli Studi di Milano). Per l’occasione, l’attrice Anna Bonaiuto ha letto il Viatico per cinque secoli di pittura veneziana del grande storico dell’arte, audace studioso del Rinascimento, Roberto Longhi.

La formula delle lezioni, ormai consolidata, si fonda sulla ricostruzione biografica dell’artista: a raccontare, di puntata in puntata, la vita e le opere di Tiziano sarà una compagnia di specialisti, costituita da dottorandi e ricercatori delle Università di Padova e di Milano, e da attori provenienti dalla Scuola del Teatro Piccolo di Milano, gli ultimi formatisi con Luca Ronconi, ovvero Livia Rossi, Marco Risglione e Yasmin Karam. Ogni lezione – costruita come una partitura in un dialogo tra momenti di narrazione e di recitazione – sarà accompagnata da immagini realizzate in gran parte dal fotografo padovano Mauro Magliani, per condurre il pubblico alla piena comprensione dell’artista.

Il percorso toccherà i momenti salienti della vita dell’artista e le opere più rilevanti: dalla decorazione del Fondaco dei Tedeschi a Venezia, che lo vide impegnato accanto a Giorgione, della Scuola del Santo a Padova, in cui la vivacità del racconto, il senso naturale del paesaggio e la psicologia dei ritratti mostravano già il superamento degli insegnamenti del maestro. Verranno analizzate anche le altissime commissioni per le corti di Mantova, Ferrara e Urbino, come i Baccanali dipinti nel 1518-19 per Alfonso I d’Este, e la svolta successiva al 1540 per lo “scontro” con le forme di manierismo che arrivavano da Roma, dalla Toscana e dall’Emilia.

È possibile iscriversi prima dell’inizio delle lezioni
oppure presso la Delegazione FAI di Padova in via Vallaresso 32 (martedì e giovedì dalle ore 17 alle 19)
oppure contattando il numero 02/467615388-349 – faiarte@fondoambiente.it

Il FAI è già presente dal 2005 sul territorio patavino con Villa dei Vescovi a Luvigliano di Torreglia, raffinata villa di inizio Cinquecento, grazie alla donazione di Maria Teresa Olcese Valoti e Pierpaolo Olcese. Ispirata ai temi della classicità e inserita nel paesaggio dei Colli Euganei, fu edificata per il soggiorno estivo dei vescovi padovani. Opera sublime di celebri architetti, tra cui Giulio Romano, e decorata dal pittore fiammingo Lambert Sustris, la villa è un raffinato esperimento della cultura umanista in cui architettura e natura si fondono negli spazi delle logge e delle terrazze per realizzare il benessere dell’uomo.
Per il triennio 2018-2020 le attività di valorizzazione di Villa dei Vescovi sono sostenute da Epta, azienda già vicina al FAI da molti anni e conosciuta sul territorio grazie ai suoi marchi Costan ed Eurocryor.
Per informazioni: www.villadeivescovi.it

Il corso è realizzato in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova, con le Università degli Studi di Milano e di Padova e con il Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa.
Si ringrazia l’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova per la gentile concessione della Sala del Romanino presso i Musei Civici agli Eremitani.
Il corso si svolge grazie al generoso contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.

Date e orari: da giovedì 21 febbraio a giovedì 27 giugno 2019, dalle ore 17.30 alle 18.45, Sala del Romanino, Musei Civici agli Eremitani, Piazza Eremitani 8, Padova.

Costo delle lezioni:
– Non iscritti FAI: € 189 (comprensiva della quota ordinaria di iscrizione alla Fondazione)
– Iscritti FAI: € 150
– Iscritti FAI Giovani (fino ai 25 anni): € 85
– Studenti dell’Università di Padova (Dipartimento dei Beni culturali: archeologia, storia dell’arte, del cinema e della musica), del corso di laurea triennale in Storia e tutela dei Beni Artistici e Musicali e del corso di laurea magistrale in Storia dell’arte – ai quali saranno riservati 30 posti – gratuito. Il corso sarà valido per il conseguimento di crediti formativi.
Lezione singola (previa disponibilità di posti a sedere): € 10; Studenti € 5.

Per iscrizioni e informazioni: tel. 02.467615388-349; faiarte@fondoambiente.it; www.fondoambiente.it

(Fonte: ufficio stampa FAI per Padova – Studio Pierrepi)