Io vivo sano. Alimentazione e DNA – Mostra laboratorio al MUSME

Home / Comunicazioni / Io vivo sano. Alimentazione e DNA – Mostra laboratorio al MUSME
Dal 13 settembre 2019 al 15 marzo 2020 il Museo di Storia della Medicina di Padova ospita la mostra-laboratorio Io Vivo Sano – alimentazione e DNA, un progetto ideato da Fondazione Umberto VeronesiAttraverso un percorso interattivo, giochi, quiz, video e indovinelli sarà possibile esplorare la relazione tra il cibo e il nostro patrimonio genetico per capire come il cibo interagisce con le cellule e  il DNA, determinando la nostra salute.
Il percorso si articola in 3 momenti: il primo dedicato ai pilastri della sana alimentazione, al metabolismoal fabbisogno alimentare, ai macro e micronutrienti; il secondo incentrato sul cibo e sul DNA, sulla nutrigenomica e sulla nutrigenetica; il terzo dedicato ai cibi utili e dannosi per il nostro organismo, alla nutraceutica, alle calorie, all’attività fisica, al bilancio energetico.
Come spiegare le difficili parole della scienza ai ragazzi? In modo puntuale ma semplice, con esempi che gliele faranno ricordare per tutta la vita e che magari apriranno loro nuovi interessi.

Oltre a fornire queste preziose informazioni, la mostra mira a far conoscere l’epigenetica, cioè la disciplina che studia i cambiamenti nell’espressione dei geni dovuti a fattori ambientali e comportamentali.

Il percorso espositivo comincia in un mercato “futuristico”, dove i ragazzi fanno la spesa e riempiono il loro cestino con gli ingredienti del pranzo ideale. Ricevono uno scontrino con il punteggio che restituisce l’equilibrio del pasto. Guidati da un divulgatore scientifico, scoprono come le molecole presenti nei cibi influenzano il nostro DNA e quali alimenti della loro spesa fanno bene o male all’ organismo.

Le visite guidate dal divulgatore scientifico saranno realizzate durante la settimana a beneficio delle scolaresche. Nel fine settimane si prevede la fruizione libera da parte del pubblico. L’attività della spesa, solitamente guidata e facilitata dal divulgatore, sarà quindi disponibile in formato online attraverso l’utilizzo di monitor dedicati.